In seimila per il teatro che scende in piazza e racconta l’Identità di Milano

Grande successo di pubblico per gli spettacoli che raccontano la storia e l’identità di Milano. Sono già circa 6000, da lunedì scorso a oggi (con una media di 1500 presenze giornaliere), i milanesi, i turisti e semplici passanti che hanno assistito e apprezzato i primi quattro appuntamenti de “Il teatro scende in piazza – Identità Milano”, il cartellone di spettacoli che tra danza, musica e azioni sceniche racconta la città e la sua storia.

Tutte le performance si svolgono nei sette luoghi di Milano che ospitano le torri sceniche progettate dall’architetto Michele De Lucchi per la mostra Identità Milano (in Triennale fino a lunedì 2 giugno): Piazzale Teatro Arcimboldi, Via Ampère, Piazza San Fedele, Piazza Gae Aulenti, Piazza Duca D’Aosta, Parco Solari e Arco della Pace.

Gli spettacoli proposti sono un racconto a più voci che mescola le storie, i volti, le passioni: dal Futurismo al canto di Alda Merini per Milano, dalle barricate delle Cinque Giornate alla Milano dei bombardamenti, dall’omaggio a Munari e Fontana alla Milano cinematografica di Visconti ed Antonioni, dal carteggio di Paolo Grassi e Giorgio Strehler alle giullarate di Dario Fo e Franca Rame, passando per la visione della Milano di oggi di giovani autori e danzatori.

Per tutti i milanesi e gli appassionati che non hanno avuto modo di assistere agli spettacoli l’appuntamento è per venerdì 30 maggio in Piazza Duca D’Aosta e sabato 31 maggio al Parco Solari sempre dalle ore 13.00 alle ore 20.00, mentre domenica 1 giugno il gran finale è all’Arco della Pace dalle 17.00 alle 23.00 per una serata alla scoperta dell’anima di Milano.

Tutti gli spettacoli sono realizzati da Milano Teatro Scuola Paolo Grassi nell’ambito del progetto Brand Milano volto alla valorizzazione dell’immagine della città che il Comune di Milano sta portato avanti grazie al Comitato Brand Milano (costituito da esperti, professionisti, studiosi) con la collaborazione della Triennale di Milano.

Lascia un commento