Volla, rissa al Brigante dei sapori undici feriti e venti contusi

Una minorenne è stata colta da malore. Il locale è stato devastato. Si tratta del bilancio di una mega rissa nel noto ristorante del Napoletano. Coinvolti un centinaio di invitati, durante il pranzo allestito per due Prime Comunioni.

A scatenare la scazzottata sarebbe stato l’apprezzamento da parte di un invitato ad una ragazza, seduta ad un tavolo dell’altra cerimonia. Iniziativa non gradita e che ha provocato la reazione di alcuni dei suoi familiari. A quel punto è scoppiato il putiferio. E’ volato di tutto, bottiglie, bicchieri, piatti ed anche schiaffi, pugni e calci. Sono stati venti minuti di violenza, sotto gli occhi anche di bambini terrorizzati da quanto stava accadendo.

In via Monteoliveto sono intervenute alcune pattuglie dei militari ed ambulanze. Nel locale c’erano solo alcuni dei contusi e feriti. Gli altri erano stati già accompagnati da parenti ed amici in vari ospedali, tra cui “Villa Betania”, a Ponticelli, ed al Loreto mare, a Napoli.

I Carabinieri hanno identificato tutte le persone che erano ricorse alle cure mediche, o per contusioni o anche per piccoli tagli. Si tratta di residenti a San Giovanni a Teduccio, Ponticelli e Barra. E’ ipotizzabile che nelle prossime ore, a loro carico possa essere emessa denuncia di rissa. Non si esclude che qualche altro contuso possa essersi rivolto ad altro nosocomio della provincia o essersene tornato a casa. I militari in queste ore stanno ascoltando numerosi testimoni per accertare la causa e dare l’esatta ricostruzione del pomeriggio di follia.

Ci sarebbe anche un’altra versione dei fatti. La maxi rissa sarebbe stata provocato dal litigio tra due mamme per difendere i loro bambini, a loro volta, venuti alle mani.

9 su 10 da parte di 34 recensori Volla, rissa al Brigante dei sapori undici feriti e venti contusi Volla, rissa al Brigante dei sapori undici feriti e venti contusi ultima modifica: 2014-05-26T06:07:11+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento