Rossano, scoperti oltre tre mila falsi braccianti agricoli

Un danno alle casse dell’Inps per 13 milioni. I Finanzieri cosentini hanno denunciato oltre tremila persone per truffa all’ente previdenziale. Trenta persone avrebbero organizzato il raggiro con tremila falsi braccianti agricoli. La truffa si è concretizzata nella costituzione ad hoc di aziende con centinaia di lavoratori dipendenti che, in realtà, lavoravano solo sulla “carta” su terreni di ignari o, addirittura, inesistenti committenti.

I raggiri sono concentrati nella zona di Corigliano Calabro, di Rossano, di Cassano allo Ionio e comuni limitrofi con centinaia di lavoratori dipendenti, che, in realtà, lavoravano solo sulla “carta” su terreni di ignari o, addirittura, inesistenti committenti. L’organizzazione, infatti, avrebbe prima costituito artatamente aziende agricole che erogano servizi in agricoltura a committenti proprietari di terreni destinati alla coltivazione e, successivamente, predisposto false scritture private, attestanti false prestazioni di lavoro agricolo. I dati sono poi confluiti nelle denunce aziendali per ottenere l’apertura della posizione contributiva presso l’Inps. I falsi braccianti percepivano così indebitamente spettanze previdenziali, oltre alla maturazione di congrui periodi assicurativi ai fini pensionistici. I falsi lavoratori, per poter godere dei diritti, hanno provveduto a versare, nelle mani dei componenti il sodalizio criminale, somme di denaro variabili in relazione al numero di giornate attestate, mettendo in piedi un vero e proprio “mercato” delle giornate in agricoltura, dove tutti guadagnavano a spese dello Stato. Dalle indagini è emerso anche che i falsi braccianti avrebbero versato cinque milioni di euro agli organizzatori della truffa in cambio delle false attestazioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rossano, scoperti oltre tre mila falsi braccianti agricoli Rossano, scoperti oltre tre mila falsi braccianti agricoli ultima modifica: 2014-05-19T12:28:11+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento