Prato, si è conclusa la quinta edizione del Cedic

Con la consegna di 21 attestati di frequenza agli studenti, venerdì 16 maggio si è formalmente conclusa la parte delle lezioni in aula della 5° edizione del Corso di Alta Formazione in Cultura, Economia e Diritto nei Processi di Internazionalizzazione verso la Cina, “Cedic”.

A partire da oggi, gli studenti che lo hanno richiesto possono iniziare la fase di training direttamente presso aziende con rapporti commerciali consolidati Europa/Cina, presso Istituzioni e aziende con stabilimenti produttivi nella Repubblica Popolare Cinese.

Il corso, vanta vari moduli di approfondimento di cultura, economia e diritto cinese. I corsi di natura universitaria durante la quinta edizione sono stati affiancati da laboratori tenuti da esperti in materia e operatori che risiedono stabilmente in Cina. Alla fine del corso sono state svolte simulazioni in materia di contrattualistica e di controversie internazionali fra imprese.

La consegna degli attestati si è svolta durante un seminario molto interessante organizzato dal Pin assieme alla rivista Eurasia, alla presenza di Yang Han, Segretario del Consolato cinese a Firenze.

La 5° edizione del CEDIC è stata resa possibile grazie al sostegno di Regione Toscana – Progetto Prato, il Comune di Prato, Fondazione Cassa di Risparmio di Prato e, per la prima volta, dall’Associazione d’Amicizia dei Cinesi a Prato.

Erano presenti alla giornata conclusiva Rita Pieri, Assessore all’Istruzione Pubblica, Università e Pari Opportunità del Comune di Prato; Vinicio Biagi, Regione Toscana; Fabia Romagnoli, Presidente della Fondazione Cassa Di Risparmio di Prato; Simone Guercini, Università di Firenze; Andrea Fais, esperto di relazioni geo-economiche tra Europa e Cina e Daniela Toccafondi, Direttore del Corso Cedic.

9 su 10 da parte di 34 recensori Prato, si è conclusa la quinta edizione del Cedic Prato, si è conclusa la quinta edizione del Cedic ultima modifica: 2014-05-19T13:17:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento