Milano, tassisti in agitazione possibili disagi

Sospeso il servizio dei tassisti alla Stazione Centrale e in altre zone della città. Una protesta contro Uber, il servizio di noleggio con conducente che permette di chiamare una macchina con un’applicazione per smartphone. Ieri i tassisti alla Stazione hanno caricato solo disabili, donne incinte e anziani. Tutti gli altri, in gran parte turisti col trolley al seguito, hanno dovuto optare per bus, tram e metropolitane.

”E’ una protesta spontanea, non è pianificata – spiega il portavoce del Comitato tassisti milanesi, Cosimo Tartaglia – ma nata dal passa parola tra tassisti. A Milano ci sono 23 sigle sindacali, cercheremo nei prossimi giorni di mettere insieme tutta la categoria e fare un’assemblea il prima possibile da cui verrà fuori una linea unitaria su come proseguire la protesta”.

I tassisti denunciano che “si sta arrivando a una liberalizzazione del servizio mentre noi chiediamo il rispetto della legge 21/92. Uber è un servizio illegale che si colloca a metà strada tra i taxi e gli ncc e noi chiediamo che lavori come tutti gli altri”. La protesta va avanti anche per la giornata di lunedì.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi ha convocato per mercoledì 21 maggio alle 15 presso il provveditorato del Mit di Milano i rappresentanti sindacali di categoria. Il Ministro incontrerà anche il Prefetto e in seguito l’assessore comunale alla mobilità.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, tassisti in agitazione possibili disagi Milano, tassisti in agitazione possibili disagi ultima modifica: 2014-05-19T06:36:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento