Milano, nuovo itinerario ciclabile da via Verdi a Brera

Un nuovo itinerario ciclabile nel centro storico di Milano che consentirà di attraversare via Verdi fino a via Brera, realizzando importanti lavori di sistemazione superficiale, per un totale di due chilometri di estensione, che renderanno tutta l’area più fruibile da parte dei pedoni.

Lo prevede il progetto definitivo elaborato da MM spa e approvato dalla Giunta comunale che si inserisce nell’ambito del completamento dell’itinerario ciclabile Duomo-Porta Nuova.

Per quanto riguarda via Verdi, gli interventi prevedono l’allargamento dei marciapiedi e l’inserimento di un percorso ciclabile protetto che partirà da piazza della Scala, proseguendo fino all’intersezione con via Monte di Pietà e ancora lungo via Brera. La pavimentazione della pista e dei marciapiedi sarà realizzata con lastre in granito. Anche in via Brera, per favorire la fruizione pedonale, sarà ridotta la carreggiata stradale, allargando i marciapiedi, eliminando la sosta e istituendo una Zona a Traffico Limitato.

Gli stalli eliminati in via Brera saranno recuperati grazie agli interventi previsti in via dell’Orso e via Monte di Pietà dove verranno rimossi i binari tranviari dismessi, rimodellando i marciapiedi e la sosta esistente. Contestualmente in via Monte di Pietà sarà modificato il senso di circolazione che, dall’attuale doppio senso di percorrenza, sarà ricondotto a senso unico da via dell’Orso verso via dei Giardini.

Gli interventi avranno un costo complessivo di 2 milioni e 900mila euro (particolarmente importante la rimozione dei binari dismessi e la realizzazione della pavimentazione lapidea e con lastre in granito). Nel cronoprogramma dei lavori, verrà data la precedenza al tratto di via Verdi che sarà completato entro la primavera del 2015.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, nuovo itinerario ciclabile da via Verdi a Brera Milano, nuovo itinerario ciclabile da via Verdi a Brera ultima modifica: 2014-05-19T03:35:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento