lecosecambiano@roma contro il bullismo omofobico nelle scuole, evento finale al Teatro dell’Opera

Il Teatro dell’Opera di Roma ospita il 14 maggio l’evento finale del progetto contro il bullismo omofobico lecosecambiano@roma, promosso nelle scuole superiori della Capitale dall’Assessorato capitolino  alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità. Partecipano alla manifestazione, patrocinata dalla Commissione Europea e condotta da Fabio Canino, il sindaco Ignazio Marino, l’assessore Alessandra Cattoi, Ivan Cotroneo, Melania Mazzucco, Betta Cianchini, Fabio Morici e altri testimonial dell’iniziativa.

Il progetto “lecosecambiano@Roma è nato su sollecitazione della società civile, per sensibilizzare i più giovani al rispetto e alla valorizzazione delle differenze, contribuendo così a contrastare l’omofobia nelle scuole e promuovendo un nuovo clima culturale a Roma. Si è articolato attraverso incontri formativi in 23  istituti superiori e ha visto la partecipazione attiva di oltre 2.000 studentesse e studenti.

Durante l’evento conclusivo dell’iniziativa, verranno presentati i risultati di un’indagine conoscitiva condotta dall’Università La Sapienza tra gli studenti delle scuole aderenti al progetto attraverso un questionario online sul tema del bullismo omofobico. Verranno poi premiati i vincitori del concorso iocambiolecose@roma, in cui i partecipanti sono stati invitati ad esprimere, con il linguaggio a ciascuno più consono, il proprio punto di vista sul tema, lanciando un messaggio positivo ai coetanei.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con l’Università La Sapienza, la casa editrice ISBN e rappresentanti del mondo della cultura, del cinema e del teatro.

9 su 10 da parte di 34 recensori lecosecambiano@roma contro il bullismo omofobico nelle scuole, evento finale al Teatro dell’Opera lecosecambiano@roma contro il bullismo omofobico nelle scuole, evento finale al Teatro dell’Opera ultima modifica: 2014-05-12T18:48:47+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento