Il Biologico a primavera sboccia in Prà

L’edizione primaverile della festa-mercato “El Biologico in Piassa”, rinominata per questa occasione “El Biologico in Prà”, si terrà domenica 11 maggio. La manifestazione torna in Prato della Valle, dopo la fortunata edizione della scorsa primavera che ha visto migliaia di partecipanti curiosare tra i banchi di ortofrutta e artigianato, avvicinando al movimento del “biologico” anche molte persone ai primi approcci a questo mondo, soddisfacendo così uno degli obbiettivi fondamentali della manifestazione ovvero la promozione e la divulgazione dei valori legati all’agricoltura biologica.
Numerose le attrazioni anche per questa edizione, con circa un’ottantina di espositori che proporranno ortaggi, frutta, prodotti trasformati, salumi, pizze, formaggi, miele, olio agrumi, vini, gelati e tanto altro ancora, insieme ad associazioni attive ed impegnate nel territorio con proposte salutiste e di solidarietà, ed ancora artigiani, molti dei quali faranno dimostrazioni in piazza, che lavorano il legno, la paglia, la ceramica….
Grande attenzione anche ai bambini con i giochi in legno, frutto della creatività di Lodovico Pamio, i pattini in linea dell’Associazione ORS, il consueto giro in carro trainato dai cavalli dell’Istituto Agrario Duca degli Abruzzi e, nel Lobo S. Giustina, giochi e sport di coordinazione con l’Associazione Libertas; ed ancora, animali come galline, capre, asini e un’esposizione di attrezzi agricoli d’epoca.
Contestualmente saranno presenti in Isola Memmia i volontari della Clown-terapia per la “Giornata del Naso Rosso” che, nell’intento di far conoscere la loro importantissima attività, divertiranno i più piccini con giochi di gruppo e baby-dance.
Non sarà trascurato l’aspetto culturale con visite organizzate e guidate all’Orto Botanico, a cura dell’Associazione La Biolca, e alle statue dell’Isola Memmia, grazie all’Associazione Arc.a.dia e, quando sarà l’ora di pranzo perché non fermarsi ad assaggiare le proposte culinarie dei veronesi Valpolicella Natural Bio e dell’Osteria di Fuori Porta, interessante proposta di ristorazione biologica – e possibilmente locale – che troviamo all’Arcella a Padova.
La giornata sarà un’occasione per festeggiare la sentenza del Tar del Lazio che respinge le motivazioni dell’agricoltore Fidenato, bloccando di fatto la semina di mais geneticamente modificato nel territorio italiano. É la vittoria di molti, tra associazioni ambientaliste, gruppi di agricoltori e persone che sono riuscite a fare fronte comune contro l’arroganza di chi vorrebbe imporre la propria libertà a scapito di quella altrui, distruggendo un modello di agricoltura che crea eccellenze e biodiversità, proponendone uno, figlio delle multinazionali, che crea omologazione e degrado.
L’evento è organizzaato in collaborazione con il Comune di Padova, AIAB Veneto, ICEA e il supporto delle Organizzazioni Professionali ed Agricole di Padova.

Lascia un commento