Torino, opportunità di riconversione per portafoglio di immobili pubblici

Sarà presentato domani, 29 aprile, a Torino, il progetto di recupero e trasformazione di un significativo portafoglio di immobili pubblici. Al convegno, dal titolo “Sviluppo del patrimonio immobiliare pubblico nel Comune di Torino”, che si terrà a partire dalle ore 11 nella “Sala delle Colonne” in piazza Palazzo di Città 1, verranno illustrati indirizzi e scenari delle iniziative di valorizzazione e le opportunità di investimento che si creeranno sul territorio. In particolare, i 10 beni coinvolti sono: Ex Manifattura Tabacchi di proprietà dello Stato, Ex stabilimento Fimit, di proprietà del Comune, Palazzo della Luce ex Enel, di proprietà di Equitalia, l’immobile di via Servais, di Consap, e cinque asset del Gruppo Ferrovie dello Stato.

All’incontro, al quale sono stati invitati operatori di mercato, professionisti del settore e istituzioni, interverranno il direttore dell’Agenzia del Demanio Stefano Scalera, il sindaco di Torino Piero Fassino, il direttore generale di Nomisma Luca Dondi, il vice rettore per l’Edilizia dell’Università degli Studi di Torino Bartolomeo Biolatti, il direttore generale di CDP Investimenti Sgr Marco Sangiorgio e l’amministratore delegato di Fs Sistemi Urbani, Carlo De Vito.

L’operazione, nata dall’accordo che l’Agenzia ha sottoscritto con il Comune di Torino il 21 novembre 2012, ai sensi dell’art. 33 bis del D.L. 98/2011, per promuovere iniziative che coinvolgano i diversi patrimoni immobiliari pubblici presenti sul territorio comunale, si avvale delle sinergie operative create tra i soggetti istituzionali interessati ed è finalizzata a coinvolgere potenziali investitori di mercato.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino, opportunità di riconversione per portafoglio di immobili pubblici Torino, opportunità di riconversione per portafoglio di immobili pubblici ultima modifica: 2014-04-28T15:27:24+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento