Roma, si è suicidato Emanuele Insinna capo della sicurezza della sede della Telecom

L’uomo aveva 54 anni ed era ex collaboratore di Giuliano Tavaroli, il protagonista della nota inchiesta su spionaggio e dossieraggio. Emanuele Insinna, sposato, padre di due figli, da oltre 15 anni in Telecom, sembra fosse molto depresso anche per motivi familiari. Ora si aggiunge la morte di Emanuele Insinna, mai indagato nell’inchiesta. L’uomo era stato solo citato da Giuliano Tavaroli. In un passaggio dell’inchiesta, quando il Gip contesta a Tavaroli il possesso di atti riservati dei servizi segreti, lo stesso Tavaroli dichiara. “Lo escludo – replica Tavaroli alle accuse del gip – Cattive interpretazioni, cattivissime… Si tratta di documenti redatti da Emanuele Insinna, mio collaboratore nell’ufficio Telecom che si occupa del segreto di Stato”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, si è suicidato Emanuele Insinna capo della sicurezza della sede della Telecom Roma, si è suicidato Emanuele Insinna capo della sicurezza della sede della Telecom ultima modifica: 2014-04-17T16:59:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento