Padova, commercianti un freno alle sanzioni grazie alla diffida

L’Amministrazione comunale di Padova è la prima Amministrazione in Veneto a recepire la nuova normativa regionale sui controlli di polizia municipale in materia di commercio. In sostanza dal 14 marzo scorso i vigili nell’accertare una irregolarità in un negozio o in un locale pubblico, usano la diffida amministrativa, uno strumento che dà al commerciante 10 giorni di tempo per mettersi in regola. Per evitare i “furbetti” la diffida non può essere applicata più volte: se nell’arco di 5 anni si reitera la violazione, l’esercente viene sanzionato.
Il nuovo strumento che si basa sulla presunzione della buona fede, consente al Comune di svolgere i controlli puntando sulla prevenzione anziché sulla repressione anche perché spesso le irregolarità rilevate sono dovute all’ignoranza delle norme. La nuova legge inoltre, consente ai commercianti di risparmiare migliaia di euro e Padova applicandola immediatamente punta sulla collaborazione tra i soggetti. I controlli della Polizia municipale generalmente riscontrano piccole irregolarità e ora, paradossalmente, il vigile anziché come uno spauracchio potrà essere vissuto come un “consulente dell’attività”.
La diffida amministrativa non è applicabile nei casi riguardanti la sicurezza alimentare e la tutela della sicurezza del lavoro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Padova, commercianti un freno alle sanzioni grazie alla diffida Padova, commercianti un freno alle sanzioni grazie alla diffida ultima modifica: 2014-04-16T18:43:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento