Aor San Carlo, direzione su venditori abusivi aree ospedale

“In riscontro alla denuncia del Tribunale dei diritti del malato sulla presenza di venditori abusivi nelle aree circostanti il San Carlo, che ha trovato eco sulla stampa regionale”, la Direzione regionale dell’azienda ospedaliera San Carlo intende rassicurare il Tdm “sul fatto che la questione è, già da tempo, stata oggetto di numerose segnalazioni informali e formali alle Autorità a vario titolo competenti in materia”.
“In particolare il 9 aprile 2013 – si legge in una nota – veniva portata all’attenzione del Prefetto, del Questore e del Comando Carabinieri e Guardia di Finanza la presenza, presso la nostra struttura aziendale di numerosi soggetti estranei alla stessa, il più delle volte di nazionalità estera o provenienti da altre regioni, intenti a vendere merce di ogni tipo con modalità ed atteggiamenti peraltro eccessivamente insistenti nei confronti del personale dipendente e della stessa utenza. Nella stessa nota veniva, altresì, segnalata la presenza di numerosi soggetti intenti all’abusivismo e all’accattonaggio e denunciata la manomissione e forzature di porte e finanche di armadietti personali con sottrazione degli effetti ivi contenuti.
Lo stesso Direttore generale, ad esito di tale segnalazione, fu ascoltato in una audizione dedicata del Comitato Ordine Pubblico.
Si ringrazia il Tdm per essersi reso parte attiva nella vicenda in considerazione del fatto che le ripetute segnalazioni non hanno, ad oggi, sortito effetti tant’è che il fenomeno persiste ed è, anzi, in incremento.
L’Azienda, dal canto suo, continuerà a denunciare gli episodi e i comportamenti segnalati dal Tdm, confidando in una più incisiva azione da parte delle Autorità competenti, atteso che né l’Azienda, né le Guardie giurate che prestano servizio presso il San Carlo hanno poteri repressivi”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Aor San Carlo, direzione su venditori abusivi aree ospedale Aor San Carlo, direzione su venditori abusivi aree ospedale ultima modifica: 2014-04-11T08:56:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento