La Provincia di Reggio Calabria sbanca a Verona

Premiate dal “Golosario” ben tre aziende reggine

La Provincia “Buona e bella” di Reggio Calabria sbanca a Verona alla fiera SOL&AGROFOOD in concomitanza con la 48^ edizione del Vinitaly, sia in termini di numero di presenze presso lo stand reggino che per la premiazione da parte del “Golosario Prize ”, il premio legato alla prestigiosa guida enogastronomica delle eccellenze italiane curata da Paolo Massobrio e Marco Gatti. Un concorso “silente” nel senso che i critici enogastronomici rigorosamente in incognito, hanno il compito di assaggiare i prodotti in esposizione e stilarne la classifica secondo i criteri di valutazione dei giudici del gusto: qualità ed attenzione all’origine e ai metodi di produzione. Gli assaggiatori del “Club papillon” coordinati da Massobrio, hanno visitato i produttori presenti in fiera e quindi anche le aziende presenti presso lo stand dell’Assessorato provinciale all’agricoltura retto da Gaetano Rao, caratterizzato dai brand “Reggio Calabria, la provincia buona e bella” e “Reggio Calabria, l’Olio dei Giganti”. Gli esperti hanno degustato e poi classificato i migliori prodotti in assoluto, per poi procedere alla premiazione di prodotti ed aziende, sia per quanto riguarda la qualità riscontrata sia per quanto concerne l’originalità e l’identitarietà delle produzioni, distinte secondo le  seguenti categorie: Sfiziosità, Salumi e carni, Formaggi, Paste e risi, Dolci e prodotti da forno, Bevande e birre, Premio speciale, Special Guest (per quest’anno: Croazia, Argentina, Grecia, Malta, Marocco, Rep. Ceca). E tra i venti selezionatissimi produttori premiati provenienti da tutta la Penisola, ben tre sono le aziende che appartengono alla provincia reggina e che sono state scelte grazie ai prodotti di grande qualità proposti anche durante il Cooking Show e durante gli altri eventi organizzati dalla Provincia. Per la categoria “Salumi e carni” è stata premiata la ‘nduja aspromontana dell’azienda Antichi Sapori d’Aspromonte di Canolo rappresentata da Laura Stilo; per la categoria “Formaggi” è stato premiato il rinomato Caciocavallo di Ciminà dell’azienda agricola Romano rappresentata da Mimmo Siciliano; il “Premio speciale” della giuria è stato attribuito alla Spremuta di Bergamotto dell’azienda I Prodotti del Casale di Africo rappresentata da Arturo Pratticò. “Possiamo essere orgogliosi di questo grandissimo risultato che attesta il valore immenso dei prodotti identitari della Provincia di Reggio Calabria” afferma l’agronomo Rosario Previtera, coordinatore del progetto “Reggio Calabria, la provincia buona e bella – paesaggi ricchi di sapore”. “La selezione di centinaia di prodotti, avvenuta in incognito durante i giorni della manifestazione fieristica – continua Previtera – conferma la validità dell’iniziativa”. La premiazione è avvenuta anche alla presenza di Paolo Massobrio, di Marco Gatti e di Antonella Capriotti brand manager di SOL&AGROFOOD, secondo la quale “Le produzioni di qualità sono in continua crescita ed i prodotti di nicchia e fortemente territoriali sono veri fenomeni di attrazione insieme ai vini, vista la presenza di più di 150.000 visitatori per questa edizione della fiera”. Visibilmente emozionati e soddisfatti i produttori premiati, ai quali è stato comunicato l’esito del concorso solo pochi minuti prima della premiazione. Corale l’apprezzamento da parte dei ventidue produttori di olio e dell’agroalimentare presenti all’evento fieristico veronese, nei confronti dell’ente Provincia: “Dobbiamo ringraziare il presidente Giuseppe Raffa, l’assessore Gaetano Rao e il dirigente Luigi Rubino dell’assessorato provinciale all’Agricoltura per la disponibilità e per il grande lavoro che stanno svolgendo con lo scopo di promuovere e valorizzare in Italia le nostre produzioni, le aziende ed il territorio”.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Provincia di Reggio Calabria sbanca a Verona La Provincia di Reggio Calabria sbanca a Verona ultima modifica: 2014-04-09T13:25:34+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento