Palermo, è Crocetta bis ma il Pd renziano va in frantumi

In Sicilia si va al rimpasto. Sei volti nuovi e altrettanti riconfermati. Tra i nuovi Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Caponnetto, molto vicino a Matteo Renzi e animatore del Megafono in Toscana e Roberto Agnello, esperto di bilancio, in quota Pd. La nuova giunta nasce però in un clima tesissimo in casa Pd. I “cuperliani” non hanno appoggiato l’operazione minacciando azioni clamorose. Fausto Raciti si presenterà alla direzione regionale del partito con l’ascia di guerra. Oltre a Calleri e Agnello, della nuova squadra di governo fanno parte Giuseppe Bruno (Pd), Nico Torrisi (Udc), Antonio Fiumefreddo per i Drs e Paolo Ezechia Reale (Articolo 4). 

Confermati gli uscenti Michela Stancheris (Megafono), Nelli Scilabra (Pd), Patrizia Valenti (Udc), Mariarita Sgarlata (Pd) e in quota Crocetta Lucia Borsellino e Linda Vancheri.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, è Crocetta bis ma il Pd renziano va in frantumi Palermo, è Crocetta bis ma il Pd renziano va in frantumi ultima modifica: 2014-04-08T06:27:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento