CrediFriuli, un 2013 all’insegna della crescita

L’utile d’esercizio del 2013, per CrediFriuli, si chiude con una piccola diminuzione, rispetto al 2012, attestandosi su 4,1 mln di euro. La raccolta diretta supera i 705 mln di euro (+ 4,8 per cento) e quella indiretta cresce del 23,9 per cento, arrivando a 265 mln di euro. Un forte impulso ha ottenuto anche il settore della bancassicurazione che ha visto salire del 30,4 per cento il numero di polizze emesse e un buon risultato è stato conseguito pure in termini di apertura di nuovi conti correnti (1.159 in più).

«Nel corso del 2013 – sottolinea il presidente di CrediFriuli, Luciano Sartoretti –, la nostra banca ha consolidato la propria presenza nei territori storici e ha perseguito una politica di offerta di prodotti e servizi all’avanguardia, per riuscire a soddisfare al meglio le esigenze e le richieste dei soci, delle famiglie, dei giovani, delle imprese e delle comunità locali».

Rispetto all’anno precedente, è stata registrata una crescita nelle erogazioni dei mutui pari al 35 per cento in termini di pezzi e al 29 per cento in termini di volumi. Una crescita dovuta, non solo a una ripresa della domanda, ma anche a specifiche campagne pensate per i soci alle quali, nel 2014, si aggiungerà una vantaggiosa offerta dedicata ai giovani che acquisteranno la prima casa.

Anche gli impieghi sono saliti del 5,6 per cento, raggiungendo un importo pari a 600 mln di euro.

«Questo tasso di crescita – prosegue Sartoretti – testimonia la forte propensione di CrediFriuli a continuare a erogare credito anche nelle fasi congiunturali avverse svolgendo, in questo modo, la sua autentica funzione di banca attenta al territorio che ci ha gratificati con l’aumento del numero dei soci, che all’inizio del 2014 hanno superato le 6.000 unità».

Inevitabilmente, i crediti in sofferenza sono incrementati, attestandosi però nella misura contenuta dell’1,33 per cento al netto delle svalutazioni, grazie alle robuste politiche di copertura e

rimanendo sempre a un livello tra i migliori del sistema bancario italiano.

CrediFriuli, con un patrimonio di quasi 104 mln di euro, rimane una banca a elevata patrimonializzazione segnando un Tier 1 Ratio pari a 17,3 per cento.

«Una gestione premiata dalle classifiche stilate dal noto periodico “Milano Finanza” che, nel corso del 2013 – afferma Gilberto Noacco, direttore generale della banca -, ha segnalato CrediFriuli come il primo istituto regionale tra i “Creatori di Valore” e il secondo come “Indice di redditività”».

Inoltre, durante tutto l’anno, non si è mai allentato il forte legame della banca con il territorio di riferimento (dove operano 35 filiali) attraverso l’erogazione di 423 mila euro destinati a finanziare 459 interventi e progetti solidaristici, sportivi e culturali (alcuni di respiro importante, come Friuli Doc e, prossimamente, il Far East Festival).

Il 2014 di CrediFriuli sarà un anno segnato da un forte dinamismo nei confronti della compagine sociale (con il lancio di nuove campagne ed iniziative a loro dedicate), dei giovani (sta suscitando un grande interesse il progetto “Yes – Young & Solution”) e della razionalizzazione della gestione con l’inaugurazione della nuova sede del Parco Nord di Udine (sabato 12 aprile), dove già da alcune settimane sono stati trasferiti tutti gli uffici direzionali, prima distribuiti in due distinti edifici.

9 su 10 da parte di 34 recensori CrediFriuli, un 2013 all’insegna della crescita CrediFriuli, un 2013 all’insegna della crescita ultima modifica: 2014-04-01T10:13:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento