Firenze, Riccardo Magherini morto dopo essere stato arrestato e bloccato a terra dai carabinieri

Il decesso del quarantenne è avvenuto in Borgo San Frediano. Per stabilire le cause della morte gli investigatori attendono l’esito degli esami tossicologici. Non sono stati riscontrati traumi nella regione addominale e toracica. Evidenti escoriazioni sono state invece riscontrate sulle nocche delle mani, all’altezza delle ginocchia, nella zona parietale del cranio e sul naso. Il fascicolo aperto dal pm Luigi Bocciolini resta a carico di ignoti.

Riccardo Magherini era stato immobilizzato a terra da quattro militari e ammanettato poiché, in forte stato confusionale, aveva danneggiato due vetrine, sfondandole a spallate, e rubato un telefono cellulare.

Sul posto, in un primo momento, era arrivata un’ambulanza senza medico a bordo, chiamata dai Carabinieri. Constatato lo stato di fortissima agitazione dell’uomo, i soccorritori avevano deciso di chiedere l’intervento del medico per procedere con una sedazione. Arrivato sul posto, il medico del 118 ha constatato che il quarantenne si trovava in arresto cardiaco.

Lascia un commento