Milano, morto il tassista Alfredo Famoso. Righi deve rispondere di omicidio. Sarà lutto cittadino

alfredo famosoUn’intera città è in lacrime per l’assurda morte di un uomo di 68 anni spirato all’ospedale Niguarda dove era ricoverato per una brutale aggressione. I medici hanno dichiarato ufficialmente la morte cerebrale di Alfredo Famoso, il tassista che era entrato in coma dopo aver battuto la testa in seguito a un litigio scoppiato domenica sera in via Morgagni. Gli organi non saranno espiantati.

Intanto il Comune ha dichiarato il lutto cittadino. “Milano prova un immenso dolore e come sindaco ho deciso che nella nostra città ci sarà lutto cittadino. Concorderemo la data insieme alla famiglia”. Così il sindaco Giuliano Pisapia.

Per la morte di Famoso è stato fermato Davide Guglielmo Righi. L’uomo di 48 anni verrà sottoposto ad un interrogatorio di garanzia dal Gip. Adesso rischia l’accusa di omicidio volontario con dolo eventuale dopo che i medici del Niguarda hanno dichiarato “ufficialmente” morto Alfredo Famoso.

Lascia un commento