Milano in prima fila per il diritto al cibo sicuro

La nascita del Centro internazionale per le norme e le politiche pubbliche in materia di alimentazione vuol essere un ulteriore importante contributo all’impegno della città. La sua costituzione mi è stata a cuore fin dai primi passi della sua progettazione. Come giurista, da tempo attento alle regole e ai principi legati ai temi dell’alimentazione sostenibile. E come Sindaco di Milano, la città che ospiterà Expo 2015 e che diverrà centro del dibattito globale sui temi strategici dell’Esposizione: la sicurezza alimentare, l’acqua come bene comune, la lotta agli sprechi e all’accaparramento delle terre, lo sviluppo sostenibile. Milano ed Expo lasceranno anche così un’eredità che andrà ben oltre il 2015. La produzione, la trasformazione e la distribuzione del cibo, insieme allo spreco delle risorse alimentari, riguardano da vicino il futuro di tutti noi. Riguardano il “diritto al cibo sicuro” di tutto il Pianeta”.

Lo ha dichiarato oggi il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia in occasione della firma del Protocollo di intesa per la costituzione del Centro internazionale di documentazione e studio sulle norme e le politiche pubbliche in materia di alimentazione.

 “Il Centro internazionale per il diritto all’alimentazione, grazie alla sua azione internazionale, potrà collaborare anche a dar vita al progetto di Protocollo per le politiche alimentari sostenibili che ho lanciato a Johannesburg in occasione del Summit di C40, le città impegnate nella lotta ai cambiamenti climatici. Un Protocollo per la Food Policy, che spero molti Sindaci del mondo vorranno sottoscrivere in occasione di un grande evento nei sei mesi di Expo. L’azione in rete di città impegnate in politiche alimentari innovative potrà moltiplicare i risultati a beneficio di tutti”, ha aggiunto il Sindaco Pisapia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano in prima fila per il diritto al cibo sicuro Milano in prima fila per il diritto al cibo sicuro ultima modifica: 2014-02-17T18:02:38+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento