Nasce l’Inpas il patronato della Fials-Confsal

Nasce l’Inpas: il patronato della Fials-Confsal in risposta alle continue istanze di tutela dei lavoratori iscritti e delle loro famiglie, che va ad integrare il già esistente Caf. Per la Fials è “un servizio importante, rivolto principalmente a nostri associati ed ai nostri familiari oltre ad essere aperto a tutti i cittadini che vogliono usufruirne”.
Responsabile è Vito Cantalupo laureato in Economia e Commercio.
“Il patronato – sostiene la Fials – è organizzato per accogliere a titolo gratuito tutte le istanze da parte dei cittadini per ottenere le prestazioni previste dal nostro sistema di sicurezza sociale, la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, la previdenza, il diritto di famiglia e delle successioni oltre alle informazione fiscali. Fornisce ogni informazione e consulenza avanzata a tutti i lavoratori che devono verificare la propria posizione assicurativa in relazione all’evoluzione della propria vita lavorativa ed anche tutela degli assistiti nella fase Medico-Legale con propri medici e avvocati convenzionati”. “L’assistenza del patronato – si legge nella nota – riguarda anche le prestazioni assistenziali legate alla presenza di uno status invalidante ltre che delle pensioni per lavoratori dipendenti del settore privato e pubblico. L’Inpas si occupa anche della tutela di diritti dei lavoratori infortunati sul lavoro o che contraggono malattie professionali. Presente anche il servizio immigrati. A favore della famiglia, invece, si connota per l’assistenza alle persone nell’ottenere sia prestazioni economiche di natura assistenziale, connesse con lo Stato Sociale e destinate a integrare il reddito dei beneficiari, sia il riconoscimento del diritto ad astenersi dal lavoro per determinati periodi in occasione di maternità e paternità”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Nasce l’Inpas il patronato della Fials-Confsal Nasce l’Inpas il patronato della Fials-Confsal ultima modifica: 2014-02-12T10:52:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento