La mostra fotografica itinerante Grecia e Magna Graecia farà tappa a Strongoli

  

Ha preso avvio, da Perugia dove è stata inaugurata lo scorso 7 febbraio, la mostra itinerante “Grecia e Magna Graecia” che toccherà, per tutto l’anno, alcune tappe, tra Italia e Grecia, che ricordano l’illustre passato ellenico: Roma, Taranto, Brindisi, Bari, Messina, Siracusa, Paro, Antiparo e Strangoli, in provincia di Crotone dove sarà presente dal 18 al 25 aprile prossimi, per fermarsi, infine, nel mese di settembre nella sede Dell’Istituto Italiano della Cultura di Atene. L’evento culturale, voluto ed organizzato da alcuni istituti d’arte d’Italia e Grecia e da università italiane, si pone l’obiettivo di creare rapporti di collaborazione fra la Grecia insulare dell’Egeo e l’Italia centrale e meridionale per incentivare lo scambio culturale, lo sviluppo e la competitività del turismo,la ripresa del commercio e l’attivazione di programmi di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale che coinvolgano enti pubblici e privati dei nostri territori. Tra i partecipanti anche Giuliano Monterosso, del Gruppo FotoAmatori di Crotone, artista fotografo dal 2008, con interesse prevalentemente di fotografia naturalistica, reportage e fotografia di strada. Dal 2010 espone i propri lavori in personali e collettive all’interno degli spazi espositivi della sua Crotone. Nel 2012 ha partecipato alla Rassegna Fotografica Crotonese “Obiettivo Sud”, organizzata dal locale Gruppo Fotoamatori e dalla Provincia di Crotone, nell’ambito della mostra “Viaggio nel Marchesato”, esponendo sette sue opere al Mack, il Museo di Arte Contemporanea di Crotone. Il suo interesse per la fotografia abbraccia anche l’ambito giornalistico.

 

9 su 10 da parte di 34 recensori La mostra fotografica itinerante Grecia e Magna Graecia farà tappa a Strongoli La mostra fotografica itinerante Grecia e Magna Graecia farà tappa a Strongoli ultima modifica: 2014-02-12T15:52:30+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento