Oltre 2.500 studenti reggiani a lezione di…terremoto

Il terremoto è meno misterioso e, si spera, meno spaventoso per oltre 2.500 studenti di 29 scuole medie di ben 21 comuni reggiani che nelle scorse settimane hanno partecipato al ciclo di lezioni sul rischio sismico tenuto dalla Protezione civile della Provincia di Reggio Emilia insieme all’esperto Giuliano Pardini e al volontariato.

Il progetto didattico “Conosciamo il terremoto” – promosso dalla presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini, dall’assessore provinciale all’Istruzione Ilenia Malavasi e dalla responsabile della Protezione civile della Provincia Federica Manenti – ormai dal 2005 mira a far conoscere ad alunni e insegnanti che cos’è un terremoto, perché si verifica e quali effetti provoca, qual è la realtà del rischio sismico nella provincia di Reggio Emilia, quali sono le corrette norme di comportamento da seguire prima, durante e dopo una scossa, nonché iniziare a conoscere il sistema di Protezione civile.

“Da tempo la Provincia di Reggio Emilia è impegnata non solo nella gestione delle varie emergenze e nella messa in sicurezza di edifici scolastici e opere pubbliche, ma anche in attività informative tese a diffondere una adeguata cultura di protezione civile, che significa spiegare ai cittadini quali sono i rischi presenti sul nostro territorio, i buoni comportamenti da osservare, le modalità e le misure di autoprotezione da adottare in situazioni di pericolo”, spiega la presidente della Provincia, Sonia Masini.

Le valutazioni di gradimento ricevute dalle scuole hanno evidenziato piena soddisfazione da parte di studenti e professori per le 96 ore di lezione tenute in massima parte dal Giuliano Pardini, esperto di rischio sismico e responsabile della Protezione civile di Viareggio, nonché dai funzionari della Provincia Matteo Guerra, Alessio Campisi, Simona Giampellegrini e Giuseppe Sgrò, con la partecipazione dei volontari delle diverse associazioni locali di Protezione civile, che hanno così avuto l’occasione per dialogare con i ragazzi e far conoscere loro l’importate attività svolta (Associazione nazionale Alpini di Castelnovo Monti, Il Campanone di Scandiano-Casalgrande, Tricolore di Reggio Emilia, Gruppo volontari Albinea). Gli incontri preceduti dall’invio di materiale didattico e illustrativo, utilizzabile direttamente dai docenti per introdurre l’argomento.

 “La scuola rappresenta un ambiente privilegiato per diffondere una sempre maggiore conoscenza dei fenomeni che colpiscono la nostra provincia e far crescere una cultura di Protezione civile, non a caso  proprio il comparto scolastico è quello in cui si è sempre concentrata in maniera prioritaria l’attività della Provincia dal punto di vista della prevenzione, sia in termini di verifica della sicurezza degli edifici sia dell’informazione sui rischi”, aggiunge l’assessore provinciale all’Istruzione, Ilenia Malavasi.

“Sensibilizzare i ragazzi in età scolare è fondamentale soprattutto per ciò che concerne le tematiche riguardanti il rischio sismico, al fine di creare una cultura della sicurezza basata sulla prevenzione e sull’autoprotezione”, conclude Federica Manenti, responsabile della Protezione civile della Provincia di Reggio Emilia, ricordando “come le scuole abbiano sempre risposto con grande entusiasmo alle nostre iniziative” e come “questo progetto didattico ci abbia consentito anche di fornire consulenza nella progettazione e nell’esecuzione delle periodiche prove di evacuazione che, per legge, gli istituti scolastici sono tenuti a svolgere”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Oltre 2.500 studenti reggiani a lezione di…terremoto Oltre 2.500 studenti reggiani a lezione di…terremoto ultima modifica: 2014-02-08T11:32:38+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento