Venezia, il Comune rottama papà e mamma dalla scuola

I due termini scompaiono dalla modulistica comunale per le scuole e vengono soppiantati da “genitore”. Camilla Seibezzi, consigliera delegata ai diritti civili e politiche contro le discriminazioni, si dice soddisfatta per aver vinto la “battaglia” per l’inserimento di quello che definisce “un termine più generale e inclusivo”.

Lascia un commento