Ai marò verrà applicata la legge indiana anti pirateria

Il Ministero dell’Interno del paese asiatico ha comunicato alla Procura generale l’assenso a non invocare per i due militari italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, la pena di morte. Tuttavia ha chiesto che nei confronti dei marò utilizzata comunque la legge per la repressione della pirateria (Sua Act), che può prevedere anche la pena capitale.

Lascia un commento