Vicenza, innalzamento dell’argine sinistro del Retrone a ponte del Quarelo per preservare S. Agostino e la zona industriale

Livello fiumi. Il Bacchiglione sta scendendo molto piano (alle 18 era a 4,49 metri a ponte degli Angeli) e il Retrone anziché scendere è aumentato (ora a 3,66 metri). La preoccupazione del Coc (Centro operativo comunale) rimane quindi elevata, in particolare per le zone di S. Agostino e industriale, a rischio allagamenti per la pressione del Retrone a valle di ponte del Quarelo.

Argini. Sta reggendo il rinforzo con sacchi di sabbia effettuato da consorzio di bonifica, genio civile e protezione civile nell’argine destro del Retrone, in prossimità del ponte Maganza di viale Fusinato, per chiudere i fori che, provocati da grandi roditori, nelle scorse ore si erano allargati a causa della pressione prolungata dell’acqua. Ora però a rivelarsi più delicato è piuttosto l’argine sinistro a valle di ponte del Quarelo, a ridosso delle zone di S. Agostino e industriale: in questo momento è in corso l’innalzamento del muro di sacchi per la lunghezza di 50-60 metri, per evitare la fuoriuscita d’acqua.

Strade. Nel pomeriggio si sono riscontrate difficoltà in zona industriale, dove per piccoli tratti, sono state chiuse via dell’Oreficeria (vicino al sottopasso), via della Siderurgia e via dell’Elettronica, che si aggiungono alle altre strade giù chiuse: la tangenziale in entrambi i sensi di marcia tra Campedello e Vicenza Ovest, strada Sant’Agostino tra viale del Lavoro e via Ponte del Quarelo, strada Ambrosini, sottopasso di strada della Colombaretta, strada delle Ca’ Tosate, strada Scuole dell’Anconetta, strada della Porciglia fino all’intersezione con strada della Pergoletta, via Asiago, via Thiene, ponti di Debba e strada delle Caperse, piazzale Natale del Grande (stadio Menti di fronte ai distinti).

Risulta inoltre allagato parco Retrone, che tuttavia funge così da invaso naturale a difesa dei vicini codomini. In viale Trissino, che non è mai stata chiusa alla circolazione, la situazione allagamenti è invece un po’ migliorata: l’acqua sta defluendo verso i sistemi di raccolta, anche grazie al potenziamento delle pompe, diventate quattro. I vigili del fuoco e la protezione civile inoltre stanno aiutando i residenti a estrarre l’acqua dagli scantinanti.

Previsioni. In base agli ultimi modelli, sono previste nuove precipitazioni fino alla mattinata di domani, che, anche se più deboli della scorsa notte, possono comunque avere conseguenze a causa in particolare del Retrone già a livelli elevati. Tuttavia, anziché verso mezzogiorno, è previsto un miglioramento già tra le 8 e le 9 di domani mattina.

Scuole. Oltre al trasferimento dell’attività didattica della scuola primaria Arnaldi alla primaria Loschi e della scuola dell’infanzia Molino alla scuola dell’infanzia Orazio Tretti, domani, a causa di un intervento precauzionale di distaccamento del sistema di riscaldamento dovuto a un principio di allagamento, verrà completamente sospesa l’attività didattica alla primaria Vittorino Da Feltre e alla scuola dell’infanzia Burci (entrambe in contrà Burci).

L’attività didattica sarà invece regolare in tutte le altre scuole di ogni ordine e grado della città.

Precauzioni sanitarie. L’Ulss 6 raccomanda ai cittadini di utilizzare indumenti e mezzi protettivi (guanti, stivali) in tutti i casi in cui si dovesse avere contatto, anche nei prossimi giorni, con le acque da allagamento, durante le operazioni di pulizia.

Monitoraggio situazione. Per tutta la notte il Coc ha organizzato turni di monitoraggio della situazione. La polizia locale resta operativa 24 ore su 24 rispondendo allo 0444 545311 per eventuali emergenze.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vicenza, innalzamento dell’argine sinistro del Retrone a ponte del Quarelo per preservare S. Agostino e la zona industriale Vicenza, innalzamento dell’argine sinistro del Retrone a ponte del Quarelo per preservare S. Agostino e la zona industriale ultima modifica: 2014-02-03T19:13:43+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento