Rimini, maltempo nessuna emergenza segnalata, fango e smottamenti in Alta Valmarecchia

A due anni esatti dal “nevone” che nel 2012 mise in ginocchio la provincia di Rimini, il maltempo che da una settimana imperversa in tutta Italia non ha provocato situazioni di particolare gravità sul territorio riminese. Nonostante il persistere costante di precipitazioni, seppur di lieve entità, non si sono registrate infatti emergenze o chiamate con richiesta di intervento alla protezione civile. Alcuni problemi si sono verificati relativamente alla viabilità nell’alta Valmarecchia; in particolare si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco e del servizio viabilità della Provincia di Rimini lungo la strada Maiano-Monte Maggio, nel Comune di San Leo, e all’altezza di Molino di Bascio, nel Comune di Pennabilli, dove si sono verificati  fenomeni di smottamento e colate di fango. In entrambi i casi la viabilità non è interrotta e risulta percorribile regolarmente. Continua ad essere monitorato anche tramite sensori elettronici il livello dei fiumi. Al momento nessuna criticità è segnalata; anche il fiume Marecchia, che tra quelli della provincia di Rimini risulta essere al momento quello con la portata maggiore, desta particolare apprensione.

Per i prossimi giorni è previsto il perdurare di precipitazioni e nubi basse su tutto il territorio provinciale. La lieve entità delle precipitazioni e l’aumento previsto della temperatura dovrebbero però scongiurare situazioni critiche e di particolare gravità. La Protezione Civile dell’ Emilia Romagna ha proclamato un nuovo stato di allerta fino alle ore 15 di venerdi’, con particolare attenzione alla zona del modenese, del parmense e del piacentino.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rimini, maltempo nessuna emergenza segnalata, fango e smottamenti in Alta Valmarecchia Rimini, maltempo nessuna emergenza segnalata, fango e smottamenti in Alta Valmarecchia ultima modifica: 2014-02-03T11:32:28+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento