Napoli, romena armata di coltello da cucina aggredisce passanti in via Barbagallo

E’ successo a Fuorigrotta dove la donna di 39 anni senza fissa dimora è stata arrestata per resistenza ed aggressione a pubblico ufficiale.  Uno studente dell’Istituto Professionale “A. Righi” ha riferito ai poilziotti che pochi attimi prima, mentre era con dei compagni di scuola, una donna di probabile etnia rom si era avvicinata inveendo nei loro confronti per poi iniziare a minacciarli con un coltello appuntito da cucina. Dalle prime testimonianze raccolte dagli agenti, la donna sembrava essersi diretta verso Piazzale Tecchio. Mentre si dirigevano verso il posto indicato, sono stati però fermati da una donna di 55 anni che ha riferito di essere stata avvicinata anche lei dalla rom che l’aveva prima minacciata con un coltello di lunghe dimensione e le aveva sferrato contro numerosi fendenti da cui si era salvata rifugiandosi all’interno della propria auto. L’arrivo di numerose persone del posto attirate dalle urla della vittima avevano messo in fuga la donna con il coltello. Poco dopo, vicino la fermata Edenlandia della Cumana, gli agenti sono riusciti a rintracciare la romena. Appena li ha visti la donna si è scagliata contro di loro cercando in tutti i modi di colpirli con numerosi fendenti. Quattro poliziotti sono riusciti agendo tutti insieme ad immobilizzarla senza farsi e farle del male. Al momento dell’arresto la donna ha dichiarato di essere in stato di gravidanza, ma dopo un’apposita visita medica, i sanitari hanno accertato il suo buon stato di salute fisica e mentale ed il fatto che non era in stato di gravidanza. Dopo l’arresto la donna è stata condotta alla Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli in attesa del giudizio penale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, romena armata di coltello da cucina aggredisce passanti in via Barbagallo Napoli, romena armata di coltello da cucina aggredisce passanti in via Barbagallo ultima modifica: 2014-01-30T19:19:14+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento