Firenze, San Lorenzo così si condannano a morte 80 attività

Questo l’intervento del capogruppo di Forza Italia Marco Stella. “La sistemazione così come decisa dal Comune di Firenze per le attività spostate da Piazza San Lorenzo è una condanna a morte per 80 imprese.
Stamani gli ambulanti hanno provato ad aprire le loro attività in piazza del Mercato centrale, ma è stato impossibile, tutte in quella piazza è impossibile sistemarle.
Gli operatori chiedono soltanto di lavorare, perché non dargli questa possibilità?
Il comune ha scelto di spostarli, ora deve metterli in condizione di svolgere la loro professione.
Ci sono famiglie, lavoratori, imprese che hanno sottoscritto impegni, hanno acceso mutui ed hanno il suolo pubblico da pagare, come potranno far fronte agli impegni se non possono lavorare?
Non esiste lo spazio fisico per le oltre 50 attività che dovrebbero essere collocate in piazza del Mercato centrale, troppo stretto il posto a loro riservato, fisicamente tutte lì non entrano.
I banchi non possono aprire i loro teli, hanno difficoltà ad aprire gli scaffali, il compattatore della nettezza genera un puzzo incredibile e siamo in mesi invernali, figuriamoci d’estate, gli allacci alla corrente sono pericolosi perché i fili rimangono esterni e rappresentano un pericolo per gli avventori che potrebbero inciamparci.
Gli ambulanti hanno deciso di avere buon senso, spostarsi senza proteste clamorose, anche a fronte di una disponibilità del sindaco di intavolare una nuova trattativa, ma nel frattempo dobbiamo garantire il posto di lavoro.
Occorre trovare una soluzione immediata sia alla sistemazione sin da domani per far aprire le attività, sia per la sistemazione definitiva, il tempo delle chiacchiere è finito”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, San Lorenzo così si condannano a morte 80 attività Firenze, San Lorenzo così si condannano a morte 80 attività ultima modifica: 2014-01-28T17:51:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento