Matera, Angelino a Fal su sicurezza casello ferroviario

Sul tema sicurezza edifici privati e pubblici a Matera, in seguito al tragico crollo in vico Piave, interviene il consigliere comunale del Gruppo misto Giovanni Angelino: “Mi sembra doveroso – sostiene – richiamare alle proprie responsabilità anche le Ferrovie Appulo Lucane, proprietarie dell’area in cui è ancora presente il fatiscente casellario ferroviario in disuso, ubicato in piazza della Visitazione e adiacente via Cappelluti. Alcuni cittadini mi hanno fatto notare che a ridosso di questo vetusto edificio che manifesta tutta la sua pericolosità a partire dal tetto già frantumato molti automobilisti parcheggiano la propria vettura mentre i pedoni devono trasferirsi dalla parte opposta per l’assenza di un marciapiede. Dopo aver transennato l’area in maniera approssimativa le Fal non sono mai intervenute per mettere in sicurezza questo casello ferroviario ormai abbandonato da decenni”.
“Una città a vocazione turistica come Matera, peraltro candidata a capitale europea della cultura nel 2019, – sottolinea Angelino – non può tollerare la presenza di questo immobile che manifesta tutti i segni del tempo e che va assolutamente abbattuto sia per restituire quel decoro urbano che merita una zona centrale come quella di piazza della Visitazione e sia per motivi di sicurezza, in modo tale da scongiurare nuovi crolli che possano mettere a rischio l’incolumità di pedoni e mezzi di trasporto che transitano da queste parti.
Mi auguro pertanto che le Fal possano raccogliere quanto prima l’invito a ripristinare l’area attualmente occupata da questo pericoloso casello ferroviario perché un’azienda moderna non può assolutamente trascurare la sicurezza in tutti i suoi aspetti, altrimenti rischia di perdere la fiducia anche dell’utenza che ogni giorno si avvale dei suoi servizi”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Matera, Angelino a Fal su sicurezza casello ferroviario Matera, Angelino a Fal su sicurezza casello ferroviario ultima modifica: 2014-01-21T19:47:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento