Campi Bisenzio, il banchiere Lamberto Albuzzani uccide la moglie Maria Angela Bellini e il figlio Marco. Poi si spara

L’omicidio suicidio è avvenuto in un’abitazione a Sant’Angelo a Lecore, nel comune di Campi Bisenzio. Lo sparatore è Lamberto Albuzzani, 67 anni, presidente del Credito cooperativo area pratese. Con un fucile da caccia ha ucciso la moglie Maria Angela Bellini, 66 anni e il figlio Marco, 23 anni, prima di rivolgere l’arma contro sé stesso e uccidersi.

Lamberto Albuzzani era indagato dalla Procura di Prato in un’inchiesta sulla gestione dell’istituto bancario. Ireati ipotizzati nell’inchiesta sarebbero ostacolo alla vigilanza, utilizzo di falsi strumenti finanziari e falso in bilancio. L’indagine è condotta dalle Fiamme Gialle. Accertamenti sono in corso anche da parte della Banca d’Italia. Albuzzani non era l’unico indagato e la sua posizione viene definita “marginale” dalla Procura pratese.

La famiglia abitava in una villetta di due piani, dove sono stati trovati dei biglietti. Il corpo dell’uomo e della moglie sarebbero stati trovati vicino all’ingresso, quello del figlio sulle scale che portano al secondo piano. A dare l’allarme sono stati i vicini, che hanno udito i colpi di arma da fuoco. In base a quanto si apprende, il cadavere dell’uomo sarebbe stato trovato nelle vicinanze della porta d’ingresso, mentre quelli delle altre due persone si troverebbero dentro l’abitazione.

Albuzzani prima ha ucciso la moglie, poi il figlio che, sentendo lo sparo, si era affacciato. Il ragazzo era al telefono. Il cellulare è stato trovato vicino al cadavere. Poi Albuzzani si è sparato. In fin di vita ha chiamato un vicino, senza riuscire a dir nulla.

9 su 10 da parte di 34 recensori Campi Bisenzio, il banchiere Lamberto Albuzzani uccide la moglie Maria Angela Bellini e il figlio Marco. Poi si spara Campi Bisenzio, il banchiere Lamberto Albuzzani uccide la moglie Maria Angela Bellini e il figlio Marco. Poi si spara ultima modifica: 2014-01-17T23:14:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento