Ravenna, dare la propria disponibilità per attività di volontariato o di pubblica utilità

Sono 67 – di cui 29 donne e 38 uomini – le persone che finora hanno aderito all’appello lanciato qualche mese fa con lo slogan “Cerchiamo te, sì, proprio te”, per ‘arruolare’ cittadini in attività di volontariato di pubblica utilità.
L’iniziativa è frutto di un accordo di collaborazione fra il Comune di Ravenna, ASP Ravenna Cervia e Russi e la cooperativa Fare Comunità, che ha dato vita, per conto dell’assessorato ai Servizi sociali, al progetto “Laboriosamente”, per coordinare questa nuova forma di partecipazione.
Delle 67 persone che hanno aderito, 25 – di cui 16 donne e 9 uomini – sono state o sono tuttora impegnate in undici progetti relativi ad attività culturali, sportive, educative, ricreative, di sostegno solidale, promossi sia dal Comune che da varie realtà associative. Le altre 15, di cui 2 donne e 13 uomini, hanno invece dato la loro disponibilità in caso di emergenza neve, ad un piano di intervento per prestare soccorso ed assistenza alle persone in stato di bisogno nell’ambito di una convenzione con alcune associazioni di Protezione civile. Ulteriori 27 sono a disposizione per altri progetti per i quali se ne richiederà la necessità.
L’assessorato ai Servizi sociali ricorda che è sempre possibile aderire alla campagna e rinnova l’appello a dare la propria disponibilità. Per informazioni si può andare allo sportello di via D’Azeglio 2 o chiamare il numero 0544 482578 il lunedì dalle 9 alle 13 oppure inviare una mail a laboriosamente.ravenna@gmail.com
Si possono inoltre consultare il blog laboriosamenteravenna.wordpress.com; la pagina Facebook.com/laboriosamente o di twitter.com/laboriosamente.

9 su 10 da parte di 34 recensori Ravenna, dare la propria disponibilità per attività di volontariato o di pubblica utilità Ravenna, dare la propria disponibilità per attività di volontariato o di pubblica utilità ultima modifica: 2014-01-13T02:37:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento