Livorno, Mini I.M.U. anno 2013 chi deve pagare e come

88

Entro venerdì 24 gennaio i cittadini livornesi sono chiamati a versare la cosiddetta “Mini Imu”, relativa all’anno 2013 (in base al comma 5 dell’art. 1 del D.L. 133/2013). Il versamento dell’imposta dovuta deve essere effettuato utilizzando il modello F24 (con il codice 3912 per l’abitazione principale e il codice 3914 per i terreni agricoli) come prevede il comma 680 dell’art. 1 della L. 147/2013 (legge di stabilità per l’anno 2014). Ecco tutte le informazioni relative a chi deve pagare e con quali modalità. Per chiarimenti i cittadini possono chiamare il numero verde 800 585678 Il conguaglio riguarda: 1)    l’abitazione principale e le relative pertinenze esclusi i fabbricati classificati nelle categorie A/1, A/8 e A/9; 2)    gli immobili appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; 3)    gli immobili regolarmente assegnati dagli IACP e dagli enti di edilizia residenziale pubblica; 4)    i terreni agricoli  posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola. L’imposta da pagare è pari al 40% della differenza tra l’imposta annua calcolata con le aliquote e detrazioni  deliberate dal Comune e l’imposta annua calcolata con le detrazioni ed aliquote di base. Si ricorda che il Comune di Livorno ha deliberato:     per l’abitazione principale, le pertinenze e gli immobili assegnati dalle cooperative a proprietà indivisa l’aliquota del 5,6‰ (l’aliquota base è pari al 4‰);     per i terreni agricoli e gli immobili degli IACP l’aliquota del 9,6‰ (l’aliquota base è pari al 7,6‰). Le detrazioni deliberate sono uguali a quelle di legge cioè € 200 annue (rapportate ai mesi in cui l’immobile è destinato ad abitazione principale) maggiorata di € 50 per ogni figlio convivente fino al compimento del 26° anno d’età. In ogni caso tale maggiorazione non può superare € 400. A seguire un esempio pratico su come calcolare la Mini-Imu. ESEMPIO di calcolo per l’abitazione principale 1° CASO abitazione principale per 12 mesi, rendita catastale pari a € 823,75 pertinenza (C/6, C/2, C/7) rendita catastale € 65,80 1 figlio infra 26enne imposta dovuta con aliquote comunali: abitazione (823,75 x 160 x 1,05 x 5,6/1000) = € 774,98 pertinenza (65,80 x 160 x 1,05 x 5,6/1000) = € 61,90 774,98 + 61,90 – 200,00 – 50,00 = 587,00 imposta dovuta con aliquote di base: abitazione (823,75 x 160 x 1,05 x 4/1000) =  € 553,76 pertinenza (65,80 x 160 x 1,05 x 4/1000) = € 44,21 553,76 + 44,21 – 200,00 – 50,00 = € 348,00 importo della mini-IMU 587,00 – 348,00 =239 x 40% = € 96,00 2° CASO abitazione principale per 12 mesi, rendita catastale pari a € 323,00 1 figlio infra 26enne imposta dovuta con aliquote comunali: abitazione (323,00 x 160 x 1,05 x 5,6/1000) = € 305,00 305,00 – 250,00 = 55,00 imposta dovuta con aliquote di base: abitazione (323,00 x 160 x 1,05 x 4/1000) = € 217,00 217,00 – 250,00= 0 importo della mini-IMU 55,00 x 40% = € 22,00 Per chiarimenti i cittadini possono chiamare il numero verde 800 585678.