Potenza, sanità Anisap chiede concertazione pubblico-privato

Nell’esprimere gli auguri di buon lavoro e la piena disponibilità al confronto, il presidente dell’Anisap Basilicata Antonio Flovilla, in una lettera aperta al presidente della Regione Marcello Pittella, ha sollecitato la ripresa della concertazione politico-istituzionale.
“E’ nostra intenzione incontrarla – scrive Flovilla – per un aggiornamento della situazione del sistema sanitario regionale, creando i presupposti per riprendere il confronto, successivamente allargato al neo assessore alla Salute Flavia Franconi, a partire dal percorso tracciato dal precedente assessore Martorano, oltre che dal Direttore Generale del Dipartimento Tripaldi e dei funzionari dello stesso Dipartimento, che ha consentito come ultimo atto della precedente Giunta Regionale di raggiungere una significativa intesa in merito al Nomenclatore tariffario unico per le prestazioni specialistiche e strumentali ambulatoriali. E’ stato quest’ultimo il risultato positivo e significativo di un lungo lavoro ai tavoli tecnici istituiti al Dipartimento Sanità e la testimonianza che la concertazione sociale, quando si basa sulla volontà e lo sforzo di individuare soluzioni eque e non penalizzanti, ha successo nell’interesse principali degli utenti del nostro servizio sanitario”.
“E’ necessario – conclude Flovilla – tenere in considerazione le specificità indispensabili per le singole esigenze del paziente e per una buona sanità. E tra le priorità indichiamo il raggiungimento dell’ accreditamento istituzionale sia per le strutture pubbliche che per le strutture private, insieme ad una rete efficace di controllo sulla qualità delle prestazioni rese e sul livello di soddisfazione degli utenti”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Potenza, sanità Anisap chiede concertazione pubblico-privato Potenza, sanità Anisap chiede concertazione pubblico-privato ultima modifica: 2014-01-02T16:20:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento