Genzano, Filippetti su attrezzamento settore G Marascione

“Non vorremmo che il blitz del Governo Letta che sottrae i fondi destinati alla realizzazione dell’ ‘Attrezzamento Settore G Marascione’, rientrante nello schema idrico Basento-Bradano, sia stato possibile per l’allentamento dell’attenzione da parte della nuova Giunta Regionale e che possa essere un primo segnale, fortemente preoccupante, di una scelta di assessori che conoscono troppo poco le problematiche della Basilicata”.
E’ quanto dichiara Alessandro Filippetti assessore al Comune di Genzano di Lucania, evidenziando “l’allarme che si registra nella comunità  di Genzano come nelle altre  dell’Alto Bradano, già confuse dalla scelta di nominare assessori esterni alla nostra regione, insieme alla protesta per quanto accaduto e alla sollecitazione di una squadra di governo regionale che difenda a denti stretti gli interessi del nostro territorio, evidentemente troppo esposto ad attacchi che trovano varchi in assessori che hanno bisogno di tempo per fare gli amministratori e di lezioni per imparare i problemi della nostra regione”.
Filippetti ricorda il pressing svolto dall’amministrazione comunale di Genzano e dalle altre dell’Alto Bradano in sinergia con la precedente Giunta regionale a “disincagliare” il finanziamento finito nei meandri della burocrazia e nello specifico del Ministero alle Infrastrutture. “Siamo adesso di fronte ad una situazione tanto più intollerabile perché si rastrellano quei soldi per destinarli all’Expo 2015 di Milano. E’ evidente che noi ci opporremo tenacemente.  La nuova Giunta regionale deve superare la disattenzione e il presidente deve aggiornare i neo assessori di tutti i progetti e programmi di lavori pubblici che attendono di essere cantierizzati ”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Genzano, Filippetti su attrezzamento settore G Marascione Genzano, Filippetti su attrezzamento settore G Marascione ultima modifica: 2014-01-02T16:27:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento