Aosta, riprese le riunioni del Patto per lo sviluppo

Si è svolto nel pomeriggio di ieri il primo incontro, nell’attuale Legislatura, del Patto per lo sviluppo, che ha riunito i rappresentanti del mondo economico valdostano e alcuni esponenti del Governo regionale, per un confronto che era stato inizialmente previsto sulle linee di intervento del bilancio di previsione della Regione e che ha poi riguardato, più in generale, un’analisi delle attuali dinamiche economiche e un approfondimento delle istanze provenienti dal tessuto sociale e produttivo locale.

“Con la ripresa delle convocazioni del Patto per lo sviluppo è nostra volontà valorizzare questa opportunità di confronto, in quanto riteniamo che il tavolo possa rappresentare la sede privilegiata per discutere e valutare le azioni da mettere in atto, grazie all’apporto delle parti sociali e degli attori economici del nostro territorio, che sono qui rappresentati – ha esordito l’Assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro Pierluigi Marquis, che ha convocato la riunione. – E’ chiaro che il nostro obiettivo è lo sviluppo della Valle d’Aosta, uno sviluppo sostenibile che sappia accrescere la competitività della regione in un contesto sempre più globalizzato, attraverso delle strategie mirate, che si concentrino sui settori produttivi più promettenti e riescano a coinvolgere i giovani e a creare lavoro. E credo che, oggi più che mai, sia prioritario consolidare la cultura della collaborazione e della rete tra imprese, per superare i limiti che caratterizzano la nostra realtà imprenditoriale e per favorire il rilancio economico”.

L’importanza del Patto per lo sviluppo è stata sottolineata anche dall’Assessore al bilancio, finanze e patrimonio Mauro Baccega, che ha manifestato la volontà di incontrare i soggetti rappresentati “più volte nel corso dell’anno, per recepire le sollecitazioni e per riuscire a dare risposte efficaci e certe ai cittadini e alle imprese. Soprattutto sarà importante rivederci quando potremo discutere su testi normativi già abbozzati, in modo da poterci confrontare su interventi concreti”.  Riprendendo poi le tematiche legate alla redazione del bilancio, Baccega ha ricordato come, al di là dei vincoli dovuti all’attuale crisi di sistema e alle imposizioni dello Stato, si sia riusciti a strutturare un bilancio “che ha dato risposte alle richieste di investimento, alle esigenze delle famiglie e delle imprese, a problemi di base, fortemente sentiti, come quello della casa. E laddove abbiamo dovuto intervenire con i tagli,- ha aggiunto – abbiamo cercato di operarli in modo oculato, per non compromettere nessuna linea di sviluppo, e tentando di mantenere l’attuale livello di buona vivibilità che ci è riconosciuta.”

Al tavolo è intervenuto anche l’Assessore all’agricoltura e risorse naturali Renzo Testolin, che ha detto “sono qui oggi per partecipare ad un confronto ampio e pluridisciplinare, utile a calibrare e valorizzare il ruolo del settore agricolo nel quadro generale. Anche il comparto agricolo – ha sottolineato – è stato fortemente penalizzato dai tagli che hanno condizionato tante attività, una situazione nella quale abbiamo impiegato tutti gli sforzi per cercare di mantenere attive e competitive le nostre aziende agricole. Al di là dei fondi regionali, l’agricoltura potrà contare sulle risorse previste dal nuovo Piano di Sviluppo Rurale, che metterà a disposizione finanziamenti importanti per questi tempi: 140 milioni di euro, che nei prossimi anni potranno dare ossigeno all’imprenditoria, alla modernizzazione delle strutture, incentivando i giovani. Di questi, 85 milioni saranno ancora dedicati alla compensazione delle produzioni, tra montagna e pianura.” E ha concluso “come ha già sottolineato l’Assessore Marquis, è fondamentale poter lavorare insieme e ciò vuol dire, per l’agricoltura, creare sinergie con gli altri settori prioritari della nostra regione, come il turismo e l’artigianato, collaborazioni dalle quali può scaturire un importante valore aggiunto così come nuovi stimoli all’imprenditoria.”

Gli interventi dei rappresentanti delle parti sociali e delle associazioni hanno evidenziato gli attuali problemi congiunturali e manifestato preoccupazioni per il lavoro, apprezzando la volontà di riavviare, attraverso il tavolo del Patto per lo sviluppo, un confronto costante e soprattutto costruttivo su questioni concrete e urgenti. Solo attraverso la collaborazione, è stato sottolineato, è possibile individuare soluzioni che possano realmente incidere sui problemi e creare opportunità.

Sollecitazione che è stata condivisa e supportata dagli Assessori presenti. “Dovremo presto intervenire con la revisione delle normative di settore – ha rilevato Marquis – e questa sarà un’ulteriore occasione di incontro”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Aosta, riprese le riunioni del Patto per lo sviluppo Aosta, riprese le riunioni del Patto per lo sviluppo ultima modifica: 2013-12-24T16:17:39+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento