Barletta, graduale e progressivo superamento dei passaggi a livello ferroviari

Si apre, con la chiusura del passaggio a livello su via Vecchia Madonna dello Sterpeto, la fase del graduale e progressivo superamento dei passaggi a livello ferroviari di Barletta.

In vista della imminente consegna e messa in esercizio del sottopasso di via Callano, propedeutico all’avvio delle procedure amministrative e all’apertura dei cantieri per gli altri sottovia, l’Amministrazione comunale ha concordato con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e con Rete Ferroviaria Italiana la soppressione, a partire da lunedì 16 dicembre, del passaggio a livello su via Vecchia Madonna dello Sterpeto, sulla linea ferroviaria Bologna-Lecce, con l’installazione di apposita segnalazione stradale, sia a monte che a valle, di preavviso e di indicazione di strada senza uscita, di obbligo di stop, di divieto di sorpasso, di precedenza, di limiti di velocità e quant’altro dovesse risultare utile per il corretto transito nell’area circostante.

Contestualmente sono state predisposte le prime misure, con la relativa nuova segnaletica di carattere sperimentale e comunque temporanea (essendo prevista la realizzazione di opere pubbliche per un assetto strutturale della viabilità nella zona), per migliorare le condizioni di sicurezza tanto del traffico stradale – tra via Trani, via Scuro, via Vecchia Madonna dello Sterpeto, via dell’Industria e le intersezioni con la complanare dell’Anas – quanto dell’esercizio della linea ferroviaria, in vista dell’ormai prossima apertura del sottopasso di via Callano necessaria per riprendere il più complessivo progetto con cui superare tutti i passaggi a livello in città.

9 su 10 da parte di 34 recensori Barletta, graduale e progressivo superamento dei passaggi a livello ferroviari Barletta, graduale e progressivo superamento dei passaggi a livello ferroviari ultima modifica: 2013-12-15T11:27:12+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento