Perugia, risorse per tagliare le bollette delle famiglie in difficoltà

Sono in arrivo agevolazioni tariffarie per il pagamento dei rifiuti in favore delle famiglie umbre che versano in condizioni di disagio sociale ed economico. Lo prevede un atto approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’ambiente Silvano Rometti, che assegna per questa finalità 500mila euro  ai Comuni umbri. I contributi verranno concessi sulla base dell’indicatore di situazione economica equivalente (ISEE) nei limiti fissati dalle amministrazioni comunali, cui spetta anche di stabilire la quota dell’agevolazione.

Tenuto conto della finalità sociale del provvedimento previsto dalla legge regionale sui rifiuti, l’importo complessivo di circa 500 mila euro è stato ripartito tra i Comuni proporzionalmente al numero dei residenti.

Spetterà agli Enti locali comunicare alla Regione il numero degli aventi diritto e l’ammontare delle agevolazioni concesse secondo le modalità previste dalle disposizioni comunali.

“Con questo  provvedimento – ha detto  Rometti – cerchiamo di aiutare le famiglie più disagiate e le fasce più deboli della popolazione che subiscono in modo pesante i contraccolpi della crisi. Abbiamo attivato tutte le risorse disponibili per aiutare questi  nuclei familiari, che così non pagheranno per intero le bollette legate al servizio dei rifiuti.  I contributi regionali – ha proseguito – si aggiungono alle risorse stanziate dai singoli Comuni per le stesse finalità, tra cui quelle in favore di una maggiore riduzione della produzione dei rifiuti, tramite il compostaggio domestico, o dell’incremento della raccolta differenziata, con il conferimento dei rifiuti differenziati ai nuovi servizi di raccolta domiciliare o ai centri di raccolta comunali”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Perugia, risorse per tagliare le bollette delle famiglie in difficoltà Perugia, risorse per tagliare le bollette delle famiglie in difficoltà ultima modifica: 2013-12-14T10:17:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento