La Juve vola in vetta, male Lazio e Fiorentina

Gli uomini di Conte approfittano del passo falso del Napoli e ottengono 3 punti pesanti. La Roma è avvisata. Male Lazio e Fiorentina. Questa sera in campo l’Inter domani la Roma.

Livorno-Juventus 0-2 (Llorente 63′, Tevez 75′)
Sampdoria-Lazio 1-1 (Soriano 67′, Cana 94′)
Sassuolo-Atalanta 2-0 (Zaza 63′, Berardi 67′)
Torino-Catania 4-1 (Immobile 10′, El Kaddouri 34′, Leto 50′, Moretti 59′, El Kaddouri 60′)
Udinese-Fiorentina 1-0 (Heurtaux 34′)
Bologna-Inter alle 20.45
Roma-Cagliari domani alle 20.45.

La Juve sbanca Livorno e torna in vetta alla classifica. La squadra di Conte, al Picchi con diverse assenze, vince non senza soffrire la buona organizzazione di gioco del Livorno di Nicola, stretto attorno a capitan Luci per la malattia del figlio, ma nella ripresa fa valore il maggiore tasso tecnico e segna due reti con Llorente e Tevez.

A Udine la Fiorentina perde per il momento il contatto con le prime della classe. La rete di Heurtaux nel primo tempo decide il match, con Neto che ha salvato la sua porta in più di un’occasione. Buona a metà la “prima” di Mihajlovic sulla panchina della Samp. I blucerchiati, rimasti in dieci nella ripresa per il rosso a Krsticic, passano in vantaggio con una rete di Soriano, ma sono raggiunti da Cana al 94′.

Vittorie casalinghe anche per Sassuolo e Torino. Gli emiliani sbloccano nella ripresa il match contro l’Atalanta e con Zaza-Berardi fissano il 2-0 che condanna ancora una volta gli orobici fuori casa. Il Torino si impone contro il Catania. Immobile ed El Kaddouri indirizzano il match in favore dei granata, Leto riapre il match per gli etnei, ma in pochi minuti Moretti ed ancora El Kaddouri lo richiudono con celerità lasciando la squadra di De Canio in ultima posizione in compagnia del Chievo.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Juve vola in vetta, male Lazio e Fiorentina La Juve vola in vetta, male Lazio e Fiorentina ultima modifica: 2013-11-24T16:12:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento