Milano, Giuliano Pisapia unisce gli sforzi con Yang Xiong sindaco di Shanghai

Pisapia e YangIl primo cittadino del capoluogo lombardo ha incontrato il collega cinese. Milano e Shanghai si sono passate il testimone di Expo e questo ha creato una reciproca maggior attenzione negli ultimi anni.

Nel corso del lungo e cordiale incontro il sindaco Yang Xiong ha sottolineato le similitudini esistenti tra le due città gemellate dal 1979: entrambe poli finanziari, commerciali e culturali di grande riferimento per l’Europa e per l’Asia. E ha garantito l’impegno delle imprese di Shanghai per fare di Expo 2015 un successo anche nel quadro della collaborazione per la realizzazione del loro padiglione, che sarà il terzo cinese  presente all’Esposizione Universale.

Il primo cittadino della grande metropoli cinese ha in ogni caso offerto la massima disponibilità alla cooperazione in tutti i settori: dal design all’urbanizzazione sostenibile, alla cultura. Con particolare accento ai possibili scambi tra il Grande Teatro di Shanghai e la Scala.

Giuliano Pisapia, da parte sua, ha messo l’accento sulle opportunità di investimenti reciproci prima e dopo Expo, nei settori di cooperazione già avviati e da avviare nel  momento in cui la Repubblica Popolare di Cina, con il suo nuovo programma di riforme, si prepara a una maggior apertura al mondo. Con attenzione particolare alle  opportunità offerte dalla nuova “Shanghai Pilot Free Trade Zone” per imprese milanesi e italiane.

Pisapia ha infine invitato il Sindaco Yan a inaugurare con lui Expo 2015. Per i temi di Expo, per il grande impegno della Cina nell’Esposizione Universale, sarebbe un segnale a tutto il mondo di un rapporto virtuoso tra due grandi città del Nord e del Sud del mondo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, Giuliano Pisapia unisce gli sforzi con Yang Xiong sindaco di Shanghai Milano, Giuliano Pisapia unisce gli sforzi con Yang Xiong sindaco di Shanghai ultima modifica: 2013-11-24T10:55:29+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento