Roma, martedì 26 novembre inaugurazione della nuova sede Cna

Appuntamento alle 12 per il taglio del nastro della nuova struttura che ospiterà la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, ubicata in Piazza Armellini 9 A.

Interverranno, tra gli altri, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, il sindaco di Roma, Ignazio Marino e Mons. Guerino Di Tora, Vescovo Ausiliare della Diocesi di Roma.

Padroni di casa il presidente nazionale CNA, Ivan Malavasi, e Sergio Silvestrini, segretario generale.

L’edificio è stato costruito ex novo dalle fondamenta su progetto dello studio Open Project. Conta sette piani fuori terra e due piani interrati. Le cinque sale riunioni, la sala corsi e la sala proiezione dispongono di circa 150 posti a sedere. L’auditorium conta 170 sedute ed è perfettamente divisibile in due sale autonome con più configurazioni, grazie ad alcune soluzioni tecniche, quali la scomparsa di metà delle poltrone nel pavimento.

L’immobile sostituisce una palazzina degli anni ’40, e ne mantiene il volume complessivo, pur con caratteristiche tipologiche e di composizione  completamente differenti.

Un profondo taglio incide la facciata ovest, esponendo i collegamenti orizzontali; l’ingresso principale sulla piazza Armellini è segnato da una spaccatura in cristallo e acciaio inox.

Le finestre, apribili a pantografo a tutta altezza, definiscono una facciata geometrica scomposta nei tagli orizzontali e verticali delle lastre del rivestimento.

La demolizione e la costruzione sono state realizzate, all’interno di un guscio protettivo dotato di pannelli fono-assorbenti, che hanno ridotto quasi a zero i rumori sia della demolizione  sia della ricostruzione ed hanno abbattuto quasi totalmente le polveri.

La struttura è a emissione zero: non brucia combustibili fossili. Anche la “pelle” dell’edificio è molto performante e gli impianti sono ad alto rendimento. Un impianto di supervisione è destinato a regolarne in automatico la “vita”, riducendone il carico termico. Nel complesso, l’impatto dell’edificio sull’ambiente risulta molto basso.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin