Lecce, morte dell’operaio Mario Orlando libero l’imprenditore Attilio Scarlino

Niente più arresti domiciliari per Attilio Scarlino, amministratore delegato dell’omonimo salumificio, arrestato due mesi addietro nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Lecce sulla morte di Mario Orlando, dipendente dell’azienda, deceduto in un infortunio sul lavoro. Il Gip Antonia Martalò ha revocato la misura cautelare.

Attilio Scarlino è accusato di rimozione ed omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro e di morte come conseguenza di altro reato.

Lascia un commento