Napoli, risultati della cartografia dei bisogni dei clienti dei Centri per l’Impiego

Verranno presentati domani, venerdì 15 novembre 2013, alle ore 10,00, presso la sala Cirillo di Palazzo Matteotti, i risultati connessi all’attivazione del Master Plan e realizzati nell’ambito del progetto “Mappatura dei bisogni e della soddisfazione dei clienti dei Centri per l’Impiego della Provincia di Napoli”, eseguito dall’Agenzia Armena Spa su impulso dell’Assessorato provinciale alle Politiche Attive del Lavoro.

In particolare il progetto, avviato nell’aprile del 2013, ha riguardato la progettazione, sperimentazione e standardizzazione dei servizi di rivelazione, sia del bisogno sia del grado di soddisfazione dei clienti, di ben 17 centri per l’impiego della Provincia napoletana. I risultati che saranno presentati rappresentano il primo tassello di un meccanismo che intende mettere in primo piano l’ascolto come base per l’elaborazione di politiche sempre più soddisfacenti alle specifiche esigenze di sviluppo sociale ed economico dei territori amministrati.

Al convegno prenderanno parte: Antonio Pentangelo, presidente della Provincia di Napoli, Marilù Galdieri assessore provinciale alle Politiche del Lavoro, Severino Nappi, assessore regionale alle Politiche del Lavoro, Nicola Di Raffaele, presidente Armena Spa, Massimo Ragosta, Direttore Area Sviluppo Provincia di Napoli, Antonello Calvaruso, Direttore tecnico del progetto, Anna Rea, Segretario Generale Uil, Michele Lignola, Direttore Unione Industriali Napoli, Michele Raccuglia, Direttore Italia Lavoro Napoli, Marco Esposito Università Partenope, Giustina Orientale Caputo, Università Federico II, Giorgio Mottola, referente USR Campania Alternanza Scuola Lavoro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, risultati della cartografia dei bisogni dei clienti dei Centri per l’Impiego Napoli, risultati della cartografia dei bisogni dei clienti dei Centri per l’Impiego ultima modifica: 2013-11-14T10:03:19+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento