Trieste, alcol e giovani un binomio da approfondire

L’assessore provinciale alle politiche giovanili, Roberta Tarlao, ha presentato il convegno Alcol e giovani: Binomio da Approfondire organizzato dall’As.Tr.A, associazione trattamento alcoldipendenze che si tiene sabato 16 novembre presso la sala Saturnia della Stazione Marittima. Si tratta di un appuntamento nel quale saranno approfonditi i risultati di una campagna avviata per sensibilizzare, informare e prevenire i rischi conseguenti all’abuso di sostanze alcoliche, soprattutto tra i giovani, durante il quale l’assessore Tarlao renderà pubblici anche i risultati raggiunti nel corso dell’edizione 2013 del progetto Overnight.

“La Provincia di Trieste insieme ad As.Tr.A, prosegue nella promozione di una campagna sociale volta a sensibilizzare, informare e prevenire i rischi conseguenti all’abuso di sostanze alcoliche, soprattutto tra i giovani”  ha detto Roberta Tarlao. “Operiamo – ha aggiunto Claudio Zarattin, presidente dell’Astra – con l’obiettivo di indurre un cambio di mentalità rispetto alla cultura dello sballo, abbattendo falsi miti, giovanili e non solo, rispetto l’uso della sostanza alcolica. Spesso infatti il consumo di alcolici da parte dei giovani non viene percepito come fattore di rischio, ma associato a momenti di gioia e benessere.  Così l’età del primo bicchiere cala a vista d’occhio”. I dati disponibili, che verranno approfonditi nel corso del convegno, evidenziano che il consumo di alcool inizia al decimo anno di età; per  il 70% degli adolescenti tra i 14 e i 16 anni l’abuso di alcol è ormai un’abitudine. Il 40% di questi giovanissimi racconta di mettersi comunque alla guida del motorino, dopo aver bevuto. Esistono già a questa età bevitori stabili e problematici per i quali è oramai inutile parlare di prevenzione. E’ stato inoltre evidenziato che i ragazzi che bevono presentano un maggior disagio psicologico, in particolare maggiore oppositività ed aggressività. “L’elemento più inquietante riguarda le ubriacature – osserva Roberta Tarlo – i giovani dichiarano serenamente di aver avuto almeno una intossicazione acuta nell’ultimo mese. Questo è il segno di abitudini che sfumano ormai nella dipendenza”.

As.Tr.A organizza periodicamente progetti di prevenzione e sensibilizzazione sulle problematiche alcolcorrelate giovanili, organizzando una serie di incontri con i ragazzi presso le scuole medie superiori e non, nonché ricreatori ed oratori. Gli interventi informativi sono risultati efficaci nella fascia delle scuole medie sia in termini di comportamenti sia in termini di modificazione delle opinioni sull’alcol.

Lascia un commento