Greenpeace, Christian D’Alessandro l’accusa ora è di teppismo

I 28 attivisti di Greenpeace, tra cui l’italiano Christian D’Alessandro, arrestati in Russia con l’accusa di pirateria il 19 settembre scorso, possono tirare un sospiro di sollievo. L’accusa è stata derubricata. Il Comitato investigativo federale, equivalente russo dell’Fbi, avanza come ipotesi di reato non più quella di pirateria, ma quella molto più lieve di teppismo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Greenpeace, Christian D’Alessandro l’accusa ora è di teppismo Greenpeace, Christian D’Alessandro l’accusa ora è di teppismo ultima modifica: 2013-10-24T00:59:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento