Invasione di clandestini altri 500 soccorsi nel Canale di Sicilia

clandestiniIl parlamento italiano non solo non “alza” la voce con l’Europa che lascia solo il nostro Paese a fronteggiare l’emergenza. Anzi è pronto ad abolire il reato di clandestinità e ad incentivare indirettamente l’esodo incessante e a spese del contribuente. Dopo l’immane tragedia di Lampedusa, infatti, a centinaia continuano a sbarcare tra Sicilia e Calabria.

In queste ultime ore oltre cinquecento clandestini sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia da alcune navi mercantili in cinque diverse operazioni coordinate dalla Centrale operativa della Guardia Costiera. Il primo intervento ha riguardato due gommoni con 109 e 101 migranti che ieri avevano lanciato l’Sos con un telefono satellitare mentre si trovavano ancora in acque libiche. Sono stati raccolti dalla nave maltese Gaz Victory che adesso sta facendo rotta verso il porto di Trapani. Altri 118 profughi sono stati tratti in salvo dalla nave Atlantic Acanthus, delle isole Bahamas, diretta verso Porto Empedocle. Due imbarcazioni con 65 e 110 immigrati sono state infine soccorse prima dalla nave Lybra della Marina Militare e successivamente dal rimorchiatore Asso 30 che li ha presi a bordo e sta dirigendosi verso il porto di Siracusa.

Perché Malta respinge i clandestini e non li fa approdare? L’Italia è l’Eldorado? Lungi dall’essere considerati razzisti. Ma a tutto deve esserci un limite.

9 su 10 da parte di 34 recensori Invasione di clandestini altri 500 soccorsi nel Canale di Sicilia Invasione di clandestini altri 500 soccorsi nel Canale di Sicilia ultima modifica: 2013-10-11T07:26:51+00:00 da Antonio Nesci
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento