Roma, confiscati beni per 150 milioni a Vincenzo Gabriele e Luigi Terenzio

I beni sono appartenenti ai due imprenditori, già indagati ed arrestati nel 2009 perché ritenuti vicini al clan camorristico dei Casalesi e alla banda della Magliana. La maxi confisca, scaturita dalle indagini della Dia capitolina è stata effettuata tra Roma, Cassino e Frosinone. Oggetto della confisca 41 immobili,1 albergo, 22 terreni, 10 società, 2 imbarcazioni, 35 auto, 48 rapporti bancari. I Terenzio hanno movimentato 76 milioni con redditi minimi.

Lascia un commento