Puliamo il Mondo, il Parco dell’Aspromonte ha aderito alla campagna di Legambiente

puliamo 1Una giornata dedicata alla pulizia di alcune aree pic-nic ricadenti in area parco. Giunta alla sua XXI edizione, si tratta della la più grande iniziativa di volontariato ambientale che può contare ogni anno sulla partecipazione di oltre 600 mila volontari.

In Italia è organizzata da Legambiente in collaborazione con Federparchi – Europarc Italia, UPI e ANCI e con i patrocini di Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

L’iniziativa ha coinvolto, oltre i volontari di Legambiente e il personale dell’Ente Parco, due istituti scolastici di Reggio Calabria: l’ITT “Panella-Vallauri” e l’Istituto Comprensivo “Alvaro-Gebbione”, per un numero di circa 140 bambini e ragazzi.

puliamo 2

L’Ente Parco abbraccia questa iniziativa con il duplice scopo di restituire decoro ad alcune aree, in particolare quelle di Fragolara, Nardello I, Nardello II, Campi Sperimentali e Materazzelle, che si trovano lungo la strada Gambarie-Polsi, spesso invase dai rifiuti abbandonati da chi fruisce l’area parco, e di svolgere un’attività di educazione ambientale nei confronti delle nuove generazioni perché acquisiscano comportamenti corretti da adottare quando ci si trova in natura e soprattutto imparino ad amare e tutelare il loro territorio apprendendo, tra l’altro, l’importanza dei parchi e delle aree protette. L’impegno sul tema non si esaurirà con questo intervento; l’Ente Parco conferma la volontà di adottare misure in campo di educazione ambientale per contrastare comportamenti incivili, a causa dei quali i rifiuti invadono aree meravigliose e  incontaminate.

9 su 10 da parte di 34 recensori Puliamo il Mondo, il Parco dell’Aspromonte ha aderito alla campagna di Legambiente Puliamo il Mondo, il Parco dell’Aspromonte ha aderito alla campagna di Legambiente ultima modifica: 2013-10-01T08:07:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento