Roma, antiterrorismo colpita la struttura eversiva Fai-Fri

Eseguiti due arresti nei confronto di appartenenti alla Federazione anarchica informale-Fronte rivoluzionario internazionale. Gli indagati sono accusati di una serie di attentati e danneggiamenti ai danni di istituti di credito, esercizi commerciali e sedi periferiche di Enel ed Eni, compiuti in provincia di Roma negli ultimi tre anni.

Contestualmente sono state effettuate delle perquisizioni nei confronti di altre tre persone. Gli arrestati tra l’altro devono rispondere di “associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico”.

Ai due incensurati sono stati contestati anche i reati di concorso in “atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi”, incendio, furto aggravato, deturpamento e imbrattamento di cose. Sarebbero gli autori di tredici azioni eversive e attentati compiuti dal 2010 al 2013.

Lascia un commento