Melfi, protesta contro la soppressione del tribunale alta tensione

Una situazione al limite si è registrata giovedì mattina davanti all’ingresso secondario del palazzo di Giustizia che verrà soppresso. Alcune decine di cittadini, con un presidio, hanno cercando di impedire il trasloco dei fascicoli negli uffici giudiziari di Potenza. Insieme ai cittadini anche il consigliere regionale ed ex sindaco di Melfi Ernesto Navazio (Io amo la Lucania), il quale ha sottolineato che ”si tratta di un attacco vile verso i cittadini”.

Lascia un commento