Verso Catania-Inter, 23 rossazzurri a disposizione di mister Maran

mazzola11-610x380Al termine di un’intensa seduta d’allenamento, svolta in mattinata a porte chiuse a Torre del Grifo e seguita dalla conferenza pre-gara, il tecnico del Catania Rolando Maran ha convocato 23 giocatori.

Rossazzurri in ritiro da stasera, in vista della sfida in programma domani domenica alle 20.45 allo stadio “Angelo Massimino” contro l’Inter, gara valida per la seconda giornata del Campionato Serie A.

Questi gli atleti a disposizione: Portieri 21 Andujar, 34 Ficara, 1 Frison; Difensori 22 Alvarez, 14 Bellusci, 31 Cabalceta, 24 Gyomber, 6 Legrottaglie, 18 Monzon, 5 Rolin, 3 Spolli; Centrocampisti 4 Almiron, 28 Barrientos, 19 Castro, 20 Freire, 13 Izco, 7 Tachtsidis; Attaccanti 9 Bergessio, 23 Boateng, 35 Doukara, 11 Leto, 10 Lopez, 32 Petkovic.

Nel corso di  ’Catanista News’ ai microfoni di Stefano Auteri e Francesco Becciani è intervenuto l’ex bomber nerazzurro, Roberto Boninsegna. Ecco le sue considerazioni:

boninsegna-610x380“Il Massimino sarà stracolmo e questo sarà uno degli aspetti decisivi ai fini del risultato. Il Catania è una squadra ormai rodata con un’identità ben precisa. L’Inter ha iniziato un nuovo corso, ma è ancora presto. La partita contro il Genoa ha fatto intravedere buone cose, ma è stata la prima uscita in campionato. A me piace molto Maxi Lopez. E’ un giocatore dai grandi colpi e mi incuriosisce la possibilità di vederlo in coppia con Bergessio. Mazzarri? Lo conosciamo bene, inutile pensare ad un’Inter offensiva con tre punte. I nerazzurri aspetteranno e cercheranno di colpire in ripartenza. L’uomo in più in casa nerazzurra potrebbe essere Guarin, mentre tra le fila del Catania il valore aggiunto è rappresentato dal gruppo, nonostante individualità di grande caratura come Barrientos”

Sempre ai microfoni di ‘Catanista’ è intervenuto anche l’ex bandiera dell’Inter, Sandro Mazzola, per parlare della sfida che domenica sera al Massimino vedrà di fronte i nerazzurri ed il Catania di Maran:

“Ho giocato al Massimino e so quanto è difficile scendere in campo quando lo stadio è gremito. Penso che la spinta del pubblico sarà decisiva, anche se l’Inter non è più quella dello scorso anno. La gestione Mazzarri sta dando i primi frutti che si sono intravisti già nella prima uscita contro il Genoa. Mi aspetto un’Inter attendista ed il Catania che farà il gioco nei primi minuti. La formazione etnea ormai è una realtà del nostro calcio e penso che quest’anno possa ambire ad un posto in Europa. Bergessio? L’attaccante argentino è molto importante per Maran, ma non dimentichiamo che in panchina c’è un certo Maxi Lopez che può fare la differenza se in forma. Pronostico? Porta male fare i pronostici, ma di certo sarà una partita spettacolare”.

Lucio Di Mauro

Giornalista - Presentatore Conduttore TV - Critico Teatrale e Cinematografico - Iscritto Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani

Lascia un commento