Venerdì con la Carovana del Gusto ad Africo Nuovo

Il caciocavallo di Ciminà alla Carovana del Gusto
Il caciocavallo di Ciminà alla Carovana del Gusto

Dal Caciocavallo di Ciminà al caprino aspromontano di Africo. Un percorso suggestivo alla scoperta dei luoghi ameni ed incantati dell’Aspromonte attraverso i paesaggi ed i suoi sapori. Si conclude venerdì 23 agosto la Carovana del Gusto del Parco Nazionale d’Aspromonte. Appuntamento ad Africo Nuovo.

Dopo il successo della tappa di lunedì scorso tenutasi a Ciminà in cui il Cooking Show ha visto protagonisti il famoso Caciocavallo di Ciminà ed il “Buccularo” oltre alle tradizionali preparazioni alle mandorle locali, l’ultima tappa sulla Jonica Reggina. Il Cooking Show tenuto dallo chef executive Enzo Cannatà e dalla conduttrice di Video Calabria Anna Aloi, vedrà la realizzazione di un menu in cui i saporiti formaggi aspromontani (caprino e pecorino tradizionali) e la rinomata “carne di capra” rapiranno il gusto del pubblico presente in occasione della “Sagra dei prodotti tipici africesi”.

Il Presidente Giuseppe Bombino  alla tappa di Ciminà
Il Presidente Giuseppe Bombino alla tappa di Ciminà

Si conclude così la Carovana del Gusto del Parco Nazionale dell’Aspromonte la quale, in sei tappe consecutive,  ha attraversato il territorio provinciale, dal Tirreno allo Jonio, per promuovere il “Paniere dei Prodotti del Parco” e valorizzare le tradizioni locali e montane. “Un ritorno delle istituzioni sul territorio” –  afferma il presidente del Parco, il prof. Giuseppe Bombino – ”parallelo ad un ritorno alle tradizioni che nel cibo trovano una delle massime espressioni sin dall’epoca magnogreca;  epoca in cui il “symposium” consisteva  nel  consumare le pietanze e nel descriverle contestualmente riuniti attorno a un tavolo; il nostro Cooking-show è pertanto definibile come un moderno simposio, rivolto alle comunità locali,  nel quale vengono descritte dallo chef le modalità di preparazione dei piatti a base di prodotti locali e montani che insieme si possono degustare,  commentare  e quindi riproporre.

Dunque l’Aspromonte, si rivela ancora una volta fucina di cultura e ricco giacimento enogastronomico”.

La Carovana de Gusto